Archivio Eventi 09-10
Bonum est faciendum
et persequendum
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

arcimboldo.jpgIl Palazzo Giorgi Roffi Isabelli, sito in Via Consolare 160 a Ferentino, ogni quarta domenica del mese apre le sue sale ai visitatori, desiderosi di visitare una delle più belle e storiche dimore ferentinati. Il Palazzo è di proprietà della Famiglia di Pio Roffi Isabelli, discendente dell'erudito e mecenate Alfonso Giorgi (1824-1889), che illustrò la famiglia e la storia sociale e culturale di Ferentino con la sua grande sapienza e saggezza.

Il 24 maggio 2009, quarta domenica del mese, dalle ore 11.00 alle ore 13.00 il Palazzo Giorgi Roffi Isabelli ospiterà, nel "Salotto di Alfonso Giorgi" (la sua Biblioteca) una conversazione di storia.
Il tema proposto riguarderà: "S. Antonio abate e la memoria Celestiniana di Ferentino”. Interverranno le professoresse Biancamaria e Maria Teresa Valeri.
Il tema è particolarmente significativo per Ferentino perché si tratterà della storia e dell’arte di S. Antonio abate, l’abbazia fondata da Pietro del Morrone intorno al 1260, che fu suo primo sacrario dal 1296 al 1330. L’evento sarà l’occasione per riflettere sui legami tra Ferentino e la storia del Papa che passò alla storia per il suo brevissimo pontificato, appena cinque mesi (luglio-dicembre 1294), per la sua drammatica “rinuncia” (Napoli, 13 dicembre 1294) e per l’indulgenza della “Perdonanza”, (L’Aquila, 29 settembre 1294), che innescò negli animi speranze di rinnovamento e di salvezza universali.
L'incontro si svolgerà sotto gli auspici del Centro di Studi Internazionali "Giuseppe Ermini" di Ferentino e del Centro Guide Cicerone.

Informazioni di contatto
Centro di Studi Internazionali “Giuseppe Ermini”, Via Caterina Troiani 4, Ferentino
Sito web: www.giuseppe-ermini.com
Palazzo Giorgi Roffi Isabelli, Via Consolare 160, Ferentino
Sito web: www.palagrisa.it


NB = È stato creato un gruppo su Facebook: Il Salotto di Alfonso Giorgi.
Iscrivetevi e lasciate i vostri messaggi e consigli. Utilizziamo anche le ampie possibilità della rete per comunicare le nostre osservazioni e le nostre riflessioni sui temi del dibattito e per mantenere la community sempre aperta e creativa.